JOURNEY TO DHAMMA

JOURNEY TO DHAMMA
In VIaggio lungo l'HIMALAYA e oltre alla scoperta Dell'agricoltura naturale e nomadica. Serching the nirvana of NO Time, NO Space! RICETTE, IMMAGINI E RACCONTI DAL MONDO!

venerdì 20 novembre 2009

PENSIERO MALATO. pensiero puro di UNA società MALATA




NON VOGLIO USCIRE PERCHE' NE HO VOGLIA
NO DAVVERO
HO OCCHI STANCHI, TRISTI
VUOI LA VERITA'?

IO LA SO! SONO DROGATO! MI STANNO FACENDO IL LAVAGGIO DEL CERVELLO DI NUOVO. E' OVUNQUE
HO BISOGNO DI CONSUMARE!
VOGLIO USCIRE PERCHE' HO BISOGNO DI CONSUMARE. HO BISOGNO DI BERE, DI VEDERE E DI FARMI VEDERE IN GIRO.
HO BISOGNO DI FIGA, ECCO.
VOGLIO USCIRE PER AVERE UNA FIGA


MERDA! E' ORRIBILE!






sigh è folle, ovunque, pressante e la verità. possessione carnale. schiavitù. schiavi del consumo.

4 commenti:

ha detto...

fratellino
infondo lo staimo decidendo noi,ogni momento lo disegnamo a mano.e questo purtroppo lo stiamo disegnando su un foglio stropicciato e niente sarà mai chiaro.
ma continua a disegnare come tu sai fare,fregandotene del foglio,perchè per ora abbiamo questo,disegna e sogna,non lasciare che il foglio di brutta ti influenzi.nessun opera sarà mai perfetta.
cambierà fratellino
forza.
un abbraccio

Anonimo ha detto...

Parole sagge queste, ma sagge tanto quanto lo sei tu Elia, caro amichetto mio, e io so benissimo che tu non ti farai mai schiacciare da questi pensieri malati figli di una societa' malata, perche' tu sei andato avanti, oltre, e MAI TORNARE INDIETRO quando sai di avere imbriccato la strada giusta. Devi solo trovare il tuo posticino, pensa che anche che potrebbe essere ovunque e non per forza fisso.
Fisso è: che ti voglio un gran bene!
Ciao figaiolo!ehehehe :)
Carletta Psychorulez!

Alessandro ha detto...

la razza umana è un animale da branco e in quanto tale non è in grado di isolarsi e se lo fà, è per rigetto di una coesione forzata, indotta dal sistema che si è creata e che svuota totalmente il concetto di unione, coesione e condivisione, solo per scopi commerciali. il vero isolamento è quello spirituale che ti conduce ad essere sereno con testesso per condividere ciò che sei e la tua naturale spontaneità con il mondo circostante senza esserne sucube e plagiato. quando impareremo a fare questo, saremo liberi di essere in qualunque luogo anche restando nel mare delirante di un mondo malato e in corsa verso l'annullamento dei valori e dei veri piaceri.

una metropoli frenetica, caotica, assordante e grigia. un uomo ne è al centro, fermo, respira e sorride perchè dentro di lui regna la pace e i suoni che sente sono quelli delle foglie che cadono da gli alberi lente e si posano sull'erba fresca. la risacca del mare lo culla e le nuvole silenti e placide lo accompagnano nella vita.

Anonimo ha detto...

alessandro non si capisce un cazzo di come scrivi, la prossima volta fai un respiro profondo prima di iniziare a pigiare i tasti.