JOURNEY TO DHAMMA

JOURNEY TO DHAMMA
In VIaggio lungo l'HIMALAYA e oltre alla scoperta Dell'agricoltura naturale e nomadica. Serching the nirvana of NO Time, NO Space! RICETTE, IMMAGINI E RACCONTI DAL MONDO!

sabato 14 febbraio 2009

prova di: vagabondaggio


c'e' stato un incedio in australia il piu terribile della loro storia. case , professioni, futuro sparito...
vagabondo come professione...
gioie e dolori...
le mutande della mia donna dimenticate dopo una notte d'amore sotto il mio cuscino...
qual'e' il mezzo, lo strumento, il progetto con cui affronti la vita?
ogni professione ha alti e bassi, ogni vita. scegliere la linea che unisce i capitoli della tua vita e' il punto chiave, e' la storia, la favola la folle fantasia insensata che fa sognare...
la linea del vagabondo non ha confini se non quelli dei sogni quindi e' una posizione comoda in cui disegnare la propria romantica favola...
ma
gioie e dolori forse sono ancora piu' estremi di chi puo' tornare la sera a casa
non c'e' casa e protezione
non c'e' nessuno che potra vedere quei momenti in cui il vagabondo riempe i suoi occhi di luce e buio
nessuno vedra' quel momento quando tutto andra' storto e la pioggia sara' l'unico abbraccio nel senso di abbandono piu' totale in qualche luogo dimenticato perfino dalle mosche
cosi' come quel momento di gioia massima quando attraversando in bici la terra di nessuno colto da pianto di gioia cadrai per la strada nella polvere e li starai per ore a vedere le ombre che cambiano sulla terra polverosa addosso a te perche non c'e nessun luogo dove andare se non quello del presente

...un amica mi dice di riflettere sopra le importanze.....
non puoi decidere la vita solo gli strumenti con i quali viverla....
semplicita', autoproduzione, amore, improvvisazione
mmmh forse continuo e la affronto con la assurda insensata dannata presente linea del vagabondo
io amo

2 commenti:

Brigantia ha detto...

tra gli strumenti con cui vivere la vita, citando jonny, vediamo spesso mutande e bottiglie di vino...
t'ho boccheggiato, poi dovrai far sapere di quella pagina, bozza di un blog?, con un culo in primo piano!!

ciaoooooooooooo

Anonimo ha detto...

boh..forse la libertà è semplicemente avere un posto dove poter fare ritorno..
Stammi bene

Devin